Danno da vacanza rovinata e suoi presupposti

24.10.2017

Di recente la Cassazione è tornata a pronunciarsi sul risarcimento del danno da vacanza rovinata. Tale tipologia di danno rientra all'interno del danno non patrimoniale ed autorizza il turista a richiedere il risarcimento per il pregiudizio patito a seguito dell'inadempimento alle obbligazioni contrattuali derivanti dalla vendita del pacchetto turistico.

Con specifico riguardo al pacchetto turistico, comprensivo di viaggio, e/o alloggio e/o servizi aggiuntivi, la Direttiva (UE) 2015/2302 equipara il tradizionale pacchetto turistico a quello "all inclusive" acquistato online.

Il presupposto per ottenere il risarcimento del danno da vacanza rovinata è la gravità della lesione e la serietà del pregiudizio sofferto dal turista. A titolo esemplificativo e non esaustivo il turista che venga aggredito e rapinato all'interno del villaggio turistico in occasione di una vacanza organizzata ha diritto al risarcimento del danno da lesioni fisiche cagionategli oltre che da inadempimento contrattuale (si veda la sentenza della Cassazione Civile n. 6830/2017). E' legittima la richiesta di risarcimento del danno da vacanza rovinata anche nell'ipotesi in cui il turista sia costretto a soggiornare in una struttura alberghiera differente rispetto a quella prenotata oppure qualora i servizi garantiti nel pacchetto viaggio "tutto compreso" non siano disponibili.

La richiesta risarcitoria va inoltrata all'agenzia viaggio e/o al tour operator che ha venduto il pacchetto turistico entro tre anni dal rientro dalla vacanza. Il diritto al risarcimento del danno per inadempimento relativo alla mancata fruizione dei servizi inclusi nel pacchetto turistico "tutto compreso" decade, al contrario, entro diciotto o dodici mesi a seconda che il viaggio si sia svolto all'estero o in Italia.

Infine va tenuto a mente che, trovando applicazione la normativa del Codice del Turismo ed essendo il turista un consumatore, la causa va esperita avanti il Giudice del luogo di residenza e/o domicilio di quest'ultimo.   


Per avere consulenza sul caso specifico l'Avv. Avoni riceve su appuntamento nelle giornate di martedì e giovedì pomeriggio. Il primo incontro è conoscitivo.